• Associazione degli Amici della
    Missione Cattolica Polacca a Marly

A causa del deterioramento della situazione finanziaria della Chiesa in Svizzera, all'inizio del 2003, la missione cattolica polacca di Marly era praticamente sull'orlo della liquidazione. Le autorità ecclesiastiche svizzere si rifiutarono di finanziarlo e "Migratio" pronunciò l'allora direttore del PMK, p. Il contratto di lavoro di Krystian Gawron, trattenendo tutti i sussidi. Ciò ha costretto il Rettore a richiedere il sussidio di disoccupazione (curiosità su scala mondiale). Pertanto, la missione è stata condannata all'autofinanziamento nonostante il fatto che i polacchi nella maggioranza principale paghino in modo affidabile la tassa di culto a beneficio della Chiesa in Svizzera. I fondi provenivano e provengono ancora da per il finanziamento di altre missioni in lingua straniera. In considerazione di questa situazione - e proprio per questo - l'idea dell'associazione per il salvataggio della Missione Madre, la cui attività è andata avanti da quasi 60 anni, è l'eredità dei nostri predecessori.

 

Alla riunione di fondazione generale del 19.10.2003, l'Associazione dell'Amico Missionario Cattolico Polacco è stata costituita a Marly, e il 17 gennaio 2004 è stato adottato lo statuto generale e il consiglio di amministrazione è stato approvato. Pertanto, l'Associazione ha ottenuto le basi formali e legali necessarie per raggiungere il suo obiettivo. In un'assemblea generale straordinaria del 18 settembre. Del 2004. sono stati apportati emendamenti allo statuto per adeguarlo ai requisiti stabiliti dalla Federazione dei cattolici romani. L'associazione è stata inserita nel registro delle imprese e il 26 gennaio 2005 ha ottenuto la personalità giuridica.